Società ed enti collegati


Iscom E.R.
E.R. Incoming
Iscom Group
Cofiter
Eburt

Servizi



Buy E.R.
Jobter

Da oggi mercati chiusi, Fiva: “Aiuti alle imprese”

Il Presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini ha ieri sera emanato una ulteriore Ordinanza “per dare maggiore coerenza e completezza ai provvedimenti assunti dal Governo”. Vi si prevede anche, a partire da oggi mercoledì 11 marzo, la sospensione dei mercati ordinari e straordinari, dei mercati a merceologia esclusiva e dei mercatini e  fiere, ad eccezione dei mercati a merceologia esclusiva per la vendita di prodotti alimentari. Si tratta, rimarca il Governatore Bonaccini, “di restrizioni coerenti con quelle già in vigore e che fanno maggior chiarezza per operatori, cittadini e comuni”.

In questo momento di eccezionale emergenza sanitaria, sociale ed economica, Fiva Confcommercio Emilia Romagna comprende pienamente le ragioni di un simile intervento, peraltro in piena sintonia con il senso di responsabilità sociale che ne ha sempre caratterizzato l’azione associativa. L’obiettivo comune è ora duplice: far fronte prima di tutto in maniera serissima all’emergenza sanitaria, ottemperando a tutte le prescrizioni richieste per proteggere il Paese e la salute degli italiani, e – nel contempo – far fronte da subito anche all’emergenza economica attraverso il concreto sostegno alle imprese del settore, assumendo provvedimenti straordinari, fra cui il differimento di tasse, tributi e adempimenti fiscali al 2021 e tutta una serie di altre misure sulle quali Fiva Confcommercio è pronta ad avviare il confronto con l’Esecutivo e con tutte le Istituzioni coinvolte.

La Regione Emilia Romagna e il suo Governatore stanno affrontando questa gravissima situazione con la consueta energia ed efficacia, e FIVA Emilia Romagna ribadisce piena fiducia nel loro operato.

Si desidera ringraziare tutto il personale sanitario per la straordinaria, commovente attestazione di abnegazione, dedizione e professionalità e per lo zelo e il senso del dovere che spicca ogni giorno sul fronte ospedaliero.