Servizi


Iscom E-Learning
Buy E.R.
Jobter
Moda Trend
Zainetto del Buon Ricordo

Società ed enti collegati


Iscom E.R.
E.R. Incoming
Iscom Group
Cofiter
Eburt

“Contrastare la criminalità, diffondere la legalità”

26 novembre 2019

“Legalità ci piace”

CONTRASTARE LA CRIMINALITÀ, DIFFONDERE LA LEGALITÀ

Contraffazione e abusivismo sono due piaghe che  indeboliscono tutta la filiera del Made in Italy e la salute del sistema Paese, sovvenzionando le catene della criminalità organizzata.

Giunta alla settima edizione, la Giornata di Confcommercio “Legalità, ci piace” è un’iniziativa di analisi, denuncia e sensibilizzazione sulle conseguenze dei fenomeni criminali per l’economia reale e per le imprese.

I fenomeni illegali – contraffazione, abusivismo, pirateria, estorsioni, usura, infiltrazioni della criminalità organizzata, furti, rapine, taccheggio, corruzione – alterano la concorrenza, comportano la perdita di fiducia degli operatori e la diminuzione degli investimenti. Questi fenomeni impattano pesantemente sul sistema economico-sociale, fanno chiudere le imprese oneste, fanno perdere posti di lavoro, non tutelano  i consumatori, riducono la sicurezza pubblica e naturalmente alimentano la criminalità organizzata. E costano alle imprese del commercio e dei pubblici esercizi oltre 30 mld di euro di fatturato all’anno (stima Ufficio Studi Confcommercio per il 2019).

“Confcommercio – dichiara Enrico Postacchini, Presidente Confcommercio Emilia Romagna – da anni denuncia l’impatto che la contraffazione e l’abusivismo commerciale hanno sulle imprese in termini di perdita di fatturato e di costi. Per questo chiediamo un inasprimento dell’impianto sanzionatorio, anche per l’utilizzo illecito del web”.

“Ma l’inasprimento dell’impianto sanzionatorio – continua Postacchini – non deve essere l’unico strumento di repressione della contraffazione e dell’abusivismo. E’ fondamentale intensificare ulteriormente  i controlli sul territorio e rafforzare l’attività repressiva da parte delle autorità competenti al fine di garantire che le condotte illecite vengano effettivamente individuate e sanzionate”.

“Si auspica, inoltre, la definizione di uno specifico Protocollo di legalità – conclude Postacchini – che consenta un più ampio accesso delle imprese ai benefici derivanti dal rating di legalità, e l’eliminazione della soglia dei 2 milioni di euro di fatturato richiesta quale requisito, nell’ottica di rimuovere ogni disparità di trattamento e al fine di ampliare il controllo di legalità delle imprese”.

L’Ufficio Stampa

Bologna, 26.11.2019

 

Scarica qui il comunicato stampa

Clicca qui per scaricare l’indagine Confcommercio su illegalità, contraffazione e abusivismo relativo al Nord Est.

Leggi anche il comunicato sul sito di Confcommercio