Servizi


Iscom E-Learning
Buy E.R.
Jobter
Moda Trend
Zainetto del Buon Ricordo

Società ed enti collegati


CAT E.R.
Cofiter
Eburt
E.R. Incoming
Iscom E.R.
Iscom Group

Dal 15 aprile torna il Buy Emilia Romagna: Tour Operator internazionali alla scoperta di una vacanza “unica al mondo”

Dal 15 al 19 aprile si svolge a Bologna la ventitreesima edizione della Borsa Regionale del Turismo, dal 1995 vetrina dell’offerta turistica emiliano romagnola nel mondo – Presenti 73 buyer di 30 paesi – Il 15 aprile evento di benvenuto a FICO Eataly Word – In programma il 16 e 17 aprile dieci educational tour alla scoperta delle Destinazioni Turistiche Regionali – Workshop a Bologna (il 18 aprile a Palazzo De’ Toschi) tra i buyer e 70 seller regionali – Cultura, arte e musica protagoniste della serata di saluto nella Basilica di San Petronio

E’ in programma dal 15 al 19 aprile la XXIII Edizione del Buy Emilia Romagna, il tradizionale appuntamento per la promo-commercializzazione dell’offerta turistica regionale promosso da Confcommercio Imprese per l’Italia dell’Emilia Romagna in collaborazione con APT Servizi Emilia Romagna.

Una “vetrina” mondiale per il turismo dell’Emilia Romagna

Il Buy 2018 si conferma una “porta aperta” sul mondo e sulle tendenze della domanda internazionale, con la presenza quest’anno di 73 tour operator provenienti da 30 paesi che operano sia su mercati di lungo raggio – Nord America (12 TO da Stati Uniti e Canada), Medio Oriente (7 TO da Arabia Saudita, Emirati Arabi, Kuwait e Libano), Brasile (3 TO) e India (1 TO) – sia sui mercati Europei più consolidati, dai Paesi di lingua tedesca (13 TO da Germania e Austria) alla Russia (4 TO). Gli altri buyer provengono da: Bielorussia, Croazia, Repubblica Ceca, Danimarca, Francia, Ungheria, Irlanda, Lettonia, Lituania, Paesi Bassi, Polonia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia, Ucraina, Regno Unito.

La qualità sempre elevata dei buyer internazionali e il loro turn over (quest’anno l’evento accoglie il 70% di nuovi operatori rispetto all’anno scorso), assieme all’attenzione verso mercati in forte crescita, come quello statunitense (anche a seguito delle recenti iniziative di promo-commercializzazione condotte da APT Servizi sul mercato americano) confermano il Buy Emilia Romagna come un appuntamento da non perdere per far conoscere, e vendere, l’offerta turistica emiliano-romagnola sui mercati internazionali. Particolare attenzione viene riservata, in questa edizione, ai mercati emergenti e ad alto potenziale come quello arabo: sono infatti presenti al Buy 2018 importanti agenzie che lavorano con Asia e Medio Oriente, per rafforzare l’esperienza avviata lo scorso anno grazie ai collegamenti di Emirates Airlines con l’Aeroporto Marconi di Bologna.

Al Buy Emilia Romagna sono presenti buyer esteri di alto livello, alla ricerca della qualità e del lifestyle italiano che, in questa “Terra con l’anima e il sorriso”, possono vivere un turismo dell’esperienza davvero unico tra la raffinata enogastronomia, l’arte e la cultura, lo shopping di lusso, il divertimento della Riviera, la Motor Valley e i grandi brand del territorio. Un connubio eccezionale di tradizione e innovazione, testimoniato anche dalla sede della Conferenza stampa, la Sala della Meridiana all’interno dello storico Palazzo Vassè Pietramellara, il gioiello barocco di Galleria Cavour, sede di prestigiose boutique ed emblema dello shopping di lusso regionale.

Il 18 aprile a Bologna il Workshop tra buyer e seller regionali

Il legame privilegiato del Buy con la città di Bologna, e con i suoi protagonisti, si afferma fin dalla serata di accoglienza ai tour operator esteri, in programma domenica 15 aprile presso il parco agroalimentare FICO Eataly World, nuovo partner dell’evento. Tra le partnership consolidate si conferma, accanto a Bologna Welcome, quella con Banca di Bologna, nella cui storica sede di Palazzo de’ Toschi si svolgerà mercoledì 18 aprile la Borsa turistica. Durante il workshop 70 qualificati operatori dell’offerta turistica regionale potranno vendere ai 73 tour operator mondiali le proposte di soggiorno nella nostra regione.

 

Dieci educational tour alla scoperta dell’Emilia Romagna

Lunedì 16 e martedì 17 aprile i 73 tour operator internazionali presenti al Buy Emilia Romagna saranno coinvolti in dieci educational tour alla scoperta del territorio regionale e delle sue destinazioni turistiche: “Emilia”, “Romagna”, “Bologna Metropolitana”.

I buyer esteri potranno scegliere tra eductour dedicati alle diverse città d’arte (con i rispettivi Patrimoni Unesco presenti), alle eccellenze enogastronomiche della Food Valley (dove sono previste visite ai luoghi di produzione con degustazioni e cene tipiche), alla straordinaria Motor Valley (con i suoi musei aziendali e le collezioni private). Gli eductour andranno anche alla scoperta dell’offerta turistica delle località balneari della Riviera Romagnola, con il wellness e la vacanza attiva, e dei numerosi borghi della regione; sono previsti tour culturali e musicali nelle Terre di Giuseppe Verdi ed escursioni lungo le vie dei Pellegrini.

Nella serata del 18 aprile, i buyer presenti potranno partecipare ad un tour esclusivo dedicato ad arte, cultura e musica nel cuore di Bologna all’interno della Basilica di San Petronio: dalla suggestiva Terrazza panoramica agli Archivi musicali della Basilica, fino alla Sala della Musica (dove si svolgerà un concerto di famose arie di opere liriche italiane).

Dalla prima edizione ad oggi hanno preso parte al Buy Emilia Romagna oltre 3.000 buyer internazionali e più di 2.500 operatori turistici regionali che hanno reso possibile oltre 50.000 incontri d’affari. In questi anni sono stati organizzati, con i buyer presenti nelle diverse edizioni, oltre 250 educational tour che hanno fatto conoscere tutte le eccellenze turistiche emiliano romagnole.

Bonaccini, Corsini, Postacchini: “Prezioso evento per il nostro turismo”

“Abbiamo investito molto in questi anni nella governance turistica dell’Emilia Romagna – dichiara il Presidente della Regione Stefano Bonaccini – facendo di questo settore uno dei traini economici più potenti per la nostra Regione. Un settore che oggi è arrivato a rappresentare il 12% del PIL regionale ed è a tutti gli effetti una vera e propria lente d’ingrandimento delle nostre eccellenze verso il mondo, dai motori alla cultura, dal food alla vacanza attiva della Riviera e molto altro. E l’impegno, naturalmente, prosegue. A tale proposito sottolineo che proprio pochi giorni fa abbiamo approvato la graduatoria dei progetti beneficiari dei 3 milioni di cofinanziamento regionale stanziati per la promozione 2018 delle Destinazioni turistiche, che sono le vere “protagoniste” di questa 23a edizione del Buy Emilia-Romagna, un appuntamento che da oltre vent’anni rappresenta una preziosa occasione di promozione su scala mondiale del nostro turismo”.

“Internazionalizzare è la keyword a vantaggio dell’intero sistema – dichiara a sua volta l’Assessore Regionale al Turismo Andrea Corsini -. Il trend positivo di crescita del turismo internazionale in Italia rappresenta a tutti gli effetti un’opportunità concreta di incremento del comparto per l’Emilia Romagna, sintesi dell’Italian Lifestyle. E’ strategica la Borsa del Turismo Regionale promossa da Confcommercio come occasione di valorizzazione dei brand identitari e dei prodotti tematici di questa regione, apprezzati simboli  di qualità, eccellenza e tradizioni autentiche. Accanto ai mercati consolidati, come Germania e Russia, bacini come Stati Uniti, Brasile ed Emirati Arabi sono fondamentali per incrementare la quota dei flussi provenienti dall’estero”.

“Per esprimere appieno il potenziale del turismo regionale – dichiara Enrico Postacchini, Presidente di Confcommercio Emilia Romagna – è importante continuare ad investire in maniera sinergica, privati e pubblico insieme, sulla promozione verso i mercati esteri, da quelli più consolidati ai nuovi mercati emergenti, affascinati dall’unicità della nostra offerta e alla ricerca costante dell’eccellenza. Eventi come il Buy Emilia Romagna sono importanti non solo per far conoscere agli operatori internazionali l’eccezionale mix di offerta che si può trovare nella nostra regione, ma anche per valorizzare in ottica turistica il commercio di qualità e lo shopping esclusivo nelle nostre Città, elemento qualificante e distintivo dell’offerta regionale e oggi tra le principali motivazioni di viaggio per i turisti stranieri”.

Per ulteriori informazioni si può consultare il sito www.buyemiliaromagna.it