Servizi


Iscom E-Learning
Buy E.R.
Jobter
Moda Trend
Zainetto del Buon Ricordo

Società ed enti collegati


Iscom E.R.
E.R. Incoming
Iscom Group
Cofiter
Eburt

Partono bene i saldi in Emilia Romagna: il bilancio di Federmoda Regionale sul primo week-end

Federmoda Confcommercio Emilia Romagna: 6 italiani su 10 compreranno nei saldi, il 3% in più rispetto all’anno scorso.
Partono con il piede giusto i saldi in Emilia Romagna, con un primo week end dedicato alle compere nei negozi tradizionali, che sono ancora la meta preferita degli Italiani per lo shopping del periodo, secondo l’indagine Format-Research realizzata da Confcommercio Nazionale sugli acquisti nei saldi invernali 2018. Sconti già superiori al 30% in molti negozi, e caccia al prodotto di marca.
“Siamo soddisfatti dell’andamento di questo primo week-end, che ha premiato l’assortimento, la qualità e la convenienza dei nostri negozi tradizionali – dice Marco Cremonini, Presidente di Federmoda Confcommercio Emilia Romagna – ancora in cima alle preferenze degli emiliano-romagnoli per i loro acquisti in saldo. Grazie alla partenza di venerdì e al clima non troppo rigido di questi giorni, gli operatori, i consumatori e i turisti presenti nelle nostre Città per le festività natalizie hanno potuto sfruttare tre giornate intere dedicate allo shopping”.
In base all’indagine Confcommercio, sale del 3% rispetto allo scorso anno (il 61,4% contro il 58,5% del 2017) la percentuale di Italiani che faranno acquisti durante i saldi invernali 2018. A comprare saranno più le donne che gli uomini (il 67,9% contro il 55,4%). I negozi di fiducia/abituali sono ancora i luoghi principali (60,5%) dove gli italiani acquisteranno i prodotti a saldo; gli uomini preferiranno recarsi nei negozi abituali al contrario delle donne, che hanno intenzione di cercare il prezzo “più conveniente” presso altri negozi. Ad essere acquistati in saldo saranno soprattutto capi di abbigliamento (93,7% contro il 92,1% del 2017), calzature (77,1% contro il 79,2% dello scorso anno), sciarpe e guanti (35,1% contro 32,1%) e biancheria intima (29% contro il 27,4% dello scorso anno). Si continuerà a dare molta importanza alla qualità, sebbene il fattore prezzo influisca sempre sull’acquisto di un determinato prodotto. In aumento la percentuale di italiani che attende il periodo dei saldi per acquistare i prodotti griffati (19,7% rispetto al 17,6% registrato in occasione dei saldi di gennaio 2017).
“I risultati di questi primi giorni sono promettenti – aggiunge il Presidente Cremonini – ma bisognerà attendere le prossime settimane per un vero bilancio, augurandoci che le vendite proseguano a ritmi regolari”.

 Bologna, 9 gennaio 2018

L’Ufficio stampa